Benvenuto sul sito del Tribunale di Marsala

Tribunale Marsala - Ministero della Giustizia

Tribunale Marsala
Ti trovi in:

Il Tribunale

Chi siamo
Il termine latino, da cui deriva l’italiano "tribunale", indicava in origine la tribuna dalla quale il giudice amministrava la giustizia. Nell’ordinamento giudiziario italiano il tribunale identifica l’organo giurisdizionale che ha composizione monocratica o collegiale (giudice unico di primo grado). Nel campo civile ha competenza per tutte le cause che non sono di competenza del giudice di pace. E’ inoltre sempre competente per tutte le cause relative allo stato e alla capacità delle persone, per la querela di falso, per la dichiarazione di fallimento e le cause che ne derivano, oltreché per le controversie di valore indeterminabile. E’ inoltre giudice di appello rispetto alle sentenze del giudice di pace. In materia penale, il tribunale ordinario, che esercita la giurisdizione in primo grado, è competente per i reati che non appartengono alla competenza del giudice di pace o della corte di assise.

La funzione fondamentale del Tribunale è quella di assicurare una risposta giusta e fornita in tempi ragionevoli alle esigenze dei cittadini di vedere risolte le loro controversie – di ampio spessore oppure minute – tanto da costituire da sempre “la ragionevole durata del processo“ un obiettivo da perseguire, oltre che un valore fondamentale della nostra Costituzione. Lo stesso art. 6 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo del 1950, entrata in vigore nel nostro ordinamento solo nel 1955, sancisce “Il diritto di ogni persona ad un’equa e pubblica udienza entro un termine ragionevole, davanti un Tribunale indipendente ed imparziale costituito per legge, al fine della determinazione sia dei suoi diritti e dei suoi doveri di carattere civile, sia della fondatezza di ogni accusa penale che gli venga rivolta“.

Statuizione questa, sinteticamente espressiva di fondamentali principi giuridici elaborati dai sistemi giuridici europei, che ha oggi trovato un ulteriore riconoscimento nell’art. 111 Cost., nel quale, tra l’altro si è ritenuto di ribadire che “La legge assicura la ragionevole durata“ del processo in condizioni di parità tra le parti e di imparzialità e terzietà del giudice.


Presentazione del progetto
Il sito del Tribunale nasce dalla consapevolezza della circostanza che oggi la presenza su Internet della Pubblica Amministrazione è ritenuta condizione imprescindibile per realizzare un miglior rapporto con i cittadini e le imprese.

Non vi è dubbio alcuno, infatti, che la pubblicazione di siti internet costituisce già da tempo in molti uffici giudiziari italiani un’opportunità offerta dalle nuove tecnologie per perseguire trasparenza, efficienza ed efficacia per l’intera struttura giudiziaria.

In siffatta ottica i vertici dell’Ufficio, giudiziario e amministrativo, hanno ritenuto che con la realizzazione di siffatto progetto potessero perseguirsi i seguenti obiettivi:

creare una vetrina di informazione aperta a tutti i cittadini;
fornire indicazioni sulle attività degli uffici;
ridurre, in prospettiva, l’accesso di pubblico presso le cancellerie;
mettere i visitatori del sito in condizione di agevolare l’approccio ai servizi di base, fornendo indicazioni sulle procedure, sui costi e sulla modulistica;
costituire un canale di comunicazione interna, destinato al personale amministrativo e ai magistrati;
rappresentare un veicolo di trasmissione dei contributi dottrinari e giurisprudenziali per tutto il circondario;
ampliare la conoscenza interna dei fluissi di lavoro e semplificare, ove possibile, le procedure, mediante un interscambio virtuoso di informazioni;
garantire un servizio più efficace, sì da rispondere meglio alle esigenze della utenza.

Il Tribunale, progettando un sito Internet, ritiene di avere intrapreso un percorso finalizzato a favorire la configurazione di un nuovo rapporto tra il cittadino e l’Amministrazione, rendendo altresì manifesta la funzione di servizio nei confronti dell’utenza che gli uffici giudiziari sono chiamati a rendere.


Il Palazzo

Tribunale di Marsala Codice di comportamento
Torna a inizio pagina Collapse